Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per usufruire dei servizi social. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso di tutti i cookie. Per saperne di più clicca qui.
     
         



Contattaci

Preferiti

Aggiungi questo Portale tra i preferiti del tuo Browser





Sindrome dell'occhio secco

epiteliopatia puntata.jpg


La sindrome dell' occhio secco è molto diffusa
Può essere legata a patologie sistemiche, quali S. di Sjogren e altre patologie autoimmuni, o più banalmente ad un utilizzo indiscriminato di aria condizionata, smartphone, tablet, computer e altri dispositivi.
La lacrima si compone di una parte mucosa, una acquosa, una lipidica, che normalmente coesistono in perfetto equilibrio.
Quando l'ammiccamento non ha la giusta frequenza e l' equilibrio tra le varie componenti si altera per qualche motivo viene meno la stabilità del film lacrimale
Pertanto l' occhio secco può essere tale per una scarsa produzione di lacrime, o per una più rapida rottura del film lacrimale ed evaporazione dello stesso.
Il risultato è una sensazione di fastidio, come di sabbia dentro l' occhio, l' arrossamento della congiuntiva e l' annebbiamento transitorio della vista.
Viene meno la preziosa funzione di protezione e di scambio di ossigeno e nutrienti garantito dalla lacrima.
Quindi si tratta di una patologia da non sottovalutare.
Utile è il ricorso a sostituti lacrimali.
Se sussiste una patologia sistemica sottostante va fatta una terapia sistemica per tale patologia.

immagine18.jpg


Scritto domenica 12 Marzo 2017, modificato sabato 15 Aprile 2017